Sperimentazione 5G a Milano: arriva l’ambulanza connessa

Il progetto è realizzato da Vodafone con l’IRCCS Ospedale San Raffaele, Regione Lombardia – Azienda Regionale Emergenza Urgenza, Croce Rossa Italia – Comitato di Milano, in collaborazione con Altran

Milano, 8 novembre 2018 – In occasione dell’evento “Vodafone 5G Experience Day” dedicato a partner, start up e imprese coinvolte nella sperimentazione 5G a Milano, Vodafone ha presentato la soluzione di Ambulanza Connessa realizzata da Vodafone in collaborazione con IRCCS Ospedale San Raffaele, Regione Lombardia – Azienda Regionale Emergenza Urgenza, Croce Rossa Italiana – Comitato di Milano e in collaborazione con Altran.

L’Ambulanza connessa è una soluzione tecnologica che permette di condividere l’intervento in ambulanza direttamente con l’AREU (Azienda Regionale Emergenza Urgenza) e l’IRCCS Ospedale San Raffaele, garantendo l’accesso soccorso e i trattamenti nel minor tempo possibile. Al progetto hanno collaborato il Pronto Soccorso e Centro di Tecnologie Avanzate per la Salute e il benessere entrambi dell’IRCCS Ospedale San Raffaele.

 Il progetto

Grazie alla rete e architettura 5G e utilizzando il Multi – Access Edge Computing (MEC) di Vodafone, il soccorritore di Croce Rossa può effettuare videochiamate in alta risoluzione con la centrale operativa AREU per monitorare nel dettaglio lo stato del paziente; identificare, tramite occhiali per realtà aumentata, i volti dei pazienti con patologie croniche per intervenire prontamente; visualizzare protocolli complessi mentre si effettua l’intervento di emergenza; il tutto attraverso l’interazione vocale fornita da un applicativo di intelligenza artificiale su rete Vodafone.
Con l’ambulanza connessa la centrale operativa dell’AREU avrà la possibilità di visualizzare e guidare al meglio il soccorritore sul campo, chiedendo contemporaneamente l’intervento di un medico specialista dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, qualora la gravità del caso lo richieda. Il team di medici impegnati nelle patologie tempo di dipendenti (come ad esempio infarto miocardico, ictus, traumi importanti, ecc..), coordinati dal dottor Roberto Faccincani, responsabile area chirurgica del Pronto Soccorso dell’Ospedale San Raffaele, posso così intervenire ancora più tempestivamente avendo già ricevuto i dati del paziente presente sull’Ambulanza connessa.
Grazie inoltre alla strumentazione diagnostica connessa in 5G, la centrale operativa AREU e l’Ospedale avranno modo di visualizzare in tempo reale i parametri vitali del paziente nonché eventuale esami diagnostici effettuati in ambulanza, durante il trasporto in ospedale. La videochiamata in altissima definizione permette al medico di effettuare, per specifici scenari, una diagnosi da remoto prima ancora che il paziente arrivi in ospedale, riducendo così i tempi di intervento.

Sono 38 i partner industriali e istituzionali della sperimentazione guidata da Vodafone e progetti spaziano in tutti i settori e ambiti: sanità e benessere (come l’Ambulanza connessa), sicurezza e sorveglianza, smart energy e smart city, mobilità e trasporti, manifattura e industria 4.0, educational e entertaiment e digital device.