Psicopatologia dello Sviluppo

Primario: prof.ssa Laura Bellodi

Il servizio di Psicopatologia dello sviluppo prevede un percorso di diagnosi e terapia per bambini e adolescenti (8-18 anni) nelle seguenti aree principali:

  • difficoltà scolastiche (dislessia evolutiva);
  • difficoltà emotive (ansia, depressione, ossessioni);
  • difficoltà nelle relazioni sociali (ansia sociale);
  • inosservanza delle regole e difficoltà di concentrazione (disturbo da deficit dell’attenzione con iperattività – ADHD, disturbo oppositivo provocatorio).

Il servizio di Psicopatologia dello sviluppo ha una caratterizzazione diagnostica descrittiva, basata sulla rilevazione obiettiva e, ogniqualvolta sia possibile, sulla misurazione di un dato comportamento o prestazione. Ciò significa che qualsiasi sia il tipo di valutazione richiesta (per esempio, la valutazione del livello intellettivo, delle difficoltà di scrittura o lettura, o delle manifestazioni comportamentali di un bambino/ragazzo) viene fatto ogni sforzo per restituire una valutazione diagnostica comprensibile, oggettivabile e utilizzabile ai fini terapeutici e/o terapeutico-riabilitativi.
Il percorso terapeutico prevede specifiche modalità di intervento, in particolare:

  • Trattamento per la dislessia: prevede un approccio terapeutico mirato al recupero delle difficoltà di velocità e correttezza di lettura, in particolare, la riabilitazione neurocognitiva della Dislessia Evolutiva secondo il metodo Bakker (intervento mirato al potenziamento delle funzioni legate all’analisi visiva, all’attenzione e alla capacità di “mettere a fuoco” rapidamente e correttamente le parti da leggere). Il trattamento prevede l’utilizzo del personal computer che presenta al bambino parole di diversa lunghezza, complessità e frequenza da leggere in tempi molto brevi. L’intervento è adeguato per bambini e adolescenti con difficoltà di lettura, con e senza difficoltà di scrittura associate.
  • Riabilitazione cognitiva con Metodo Feuerstein: intervento mirato al potenziamento delle abilità cognitive attraverso appositi strumenti in grado di migliorare le strategie di soluzione dei problemi, stimolando nuove capacità di pensiero e di riflessione non impulsiva.
  • Terapia Cognitivo-Comportamentale: viene utilizzata per i disturbi afferenti all’ambito delle difficoltà emotive e relazionali. Di questo tipo di intervento fanno parte:
    • terapia di efficacia sociale (SET-C): intervento cognitivo-comportamentale progettato al fine di decrescere l’ansia sociale e aumentare le abilità sociali nelle situazioni temute in minori con sindromi ansiose;
    • parent training: intervento cognitivo-comportamentale per il potenziamento delle tecniche di gestione da parte di genitori e insegnanti riguardante i comportamenti problematici manifestati da bambini/adolescenti con difficoltà di concentrazione e inosservanza delle regole.

In alcuni casi può rendersi necessario affiancare alle terapie psicologiche l’implementazione di alcune terapie farmacologiche da parte del personale medico del servizio, con il consenso informato dei familiari.
Qui di seguito vengono riportate le descrizioni di alcuni dei più comuni disturbi in questa fascia di età, insieme al tipo di intervento che tipicamente viene offerto dal nostro servizio:

STAFF

Laura Bellodi  – Primario
Anna Ogliari  – Medico, Specialista in Psicologia clinica e Psicoterapeuta
Eleonora Bertoletti  – Psicologo
Sara Mascheretti  – Psicologo
Simona Scaini  – Psicologo

NUMERI UTILI

Call Center Psicologia
Prenotazioni SSN e Solventi
Tel. 02.2643.4180

 

Psicopatologia dello Sviluppo
Palazzina D – piano rialzato
San Raffaele Turro
Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Via Stamira D’Ancona, 20 – 20127 Milano (Italia)