Patogenesi e terapia delle immunodeficienze primitive

Unità SR-Tiget
Alessandro Aiuti, Vice Direttore e Capo Unità

alessandro.aiuti@hsr.it

Le immunodeficienze primitive (PID) sono un gruppo di disordini genetici rari caratterizzati da alterazioni dell’immunità innata e adattativa che provoca un’alta suscettibilità a infezioni, autoimmunità e cancro. Senza trattamento, molte di queste malattie sono fatali e richiedono un intervento rapido. SR-TIGET è uno dei centri pionieri nel portare la terapia genica con cellule staminali/progenitrici ematopoietiche (HSPC) trasdotte con vettori retrovirali da studi preclinici ad applicazioni cliniche di successo nel caso dell’Immunodeficienza Grave Combinata da deficit di Adenosina Deaminasi (ADA-SCID) e della Sindrome di Wiskott-Aldrich (WAS).
Il nostro gruppo sta lavorando attivamente all’identificazione delle basi genetiche e dei processi fisiopatologici che stanno alla base delle PID e delle malattie autoimmune/autoinfiammatorie al fine di sviluppare nuove strategie di terapia genica e cellulare per tali patologie. Inoltre, stiamo studiando i meccanismi molecolari e cellulari legati a mutazioni nel gene codificanti la gp91phox NADPH ossidasi che causano la Malattia Granulomatosi Cronica, e nei geni ARPC1B and ADA2/CECR1 al fine di sviluppare nuovi approcci di terapia genica.
Stiamo, inoltre, caratterizzando le proprietà biologiche delle HSPC e delle cellule mesenchimali (MSC) al fine di migliorare le procedure di isolamento ex vivo, di modificazione genetica e di trapianto. IA completamento di questo, stiamo conducendo studi d’integrazione dei vettori lentivirali nelle HSPC isolate da pazienti PID trattati con la terapia genica. Questi studi stanno fornendo informazioni essenziali sulla biologia del vettore virale, sulle dinamiche delle cellule staminali geneticamente modificate e sulla sicurezza della terapia genica. Stiamo esplorando anche la possibilità di utilizzare le HSPC in combinazione con MSC al fine di migliorare la riuscita della terapia genica mediata da HSPC. Tali ricerche contribuiranno al miglioramento della nostra conoscenza sulle immunodeficienze primitive e la cura per questi pazienti.

wwwPer maggiori dettagli sull’Unità, visita la pagina di questo gruppo sul sito della Ricerca in inglese.