Terapia genica con cellule staminali ematopoietiche

per le malattie da accumulo lisosomiale


Unità SR-Tiget
Alessandra Biffi, Head of Unit
biffi.alessandra@hsr.it

Le cellule staminali ematopoietiche (hematopoietic stem cells - HSCs), in seguito a trapianto in un soggetto sottoposto a trattamento mielablativo, possono veicolare proteine e molecole capaci di esercitare un effetto terapeutico nel sistema nervoso centrale (SNC). La rilevanza terapeutica di questo fenomeno è stata dimostrata in modelli animali e pazienti affetti da malattie da accumulo lisosomiale (lysosomal storage disorders - LSDs) (Biffi, JCI 2004 e 2006; Visigalli, Blood 2010; Gentner, Sci Transl Med 2010; Biffi, Science 2013; Sessa, Lancet 2016) e dipende dalla capacità delle HSC trapiantate di ricostituire le cellule mieloide/microgliale del sistema nervoso centrale dopo trapianto (Capotondo, PNAS 2012). Recentemente, abbiamo dimostrato che il potenziale terapeutico del trapianto di HSC nel trattamento delle LSD può essere incrementato mediante i) ingegnerizzazione delle HSCs e nella loro progenie così da aumentare la loro produzione di molecole terapeutiche ed il rilascio delle stesse nel cervello dei riceventi (Biffi, Science 2013; Sessa, Lancet 2016); ii) l'uso di un regime preparativo al trapianto (regime di condizionamento pre-trapianto) capace non solo di effettuare una mieloablazione delle emopoiesi midollare, ma anche di eliminare cellule funzionalmente definite come progenitori microgliali residenti nel sistema nervoso centrale (Capotondo, PNAS 2012) e iii) dal trapianto delle HSCs all'interno dei ventricoli laterali del cervello, procedura che favorisce la ricostituzione, l’attecchimento e il differenziamento mieloide delle cellule trapiantate nel sistema nervoso centrale da parte delle cellule trapiantate (Capotondo, Milazzo 2017 Sci. Advances 2017). Attualmente, stiamo utilizzato queste strategie nel contesto di applicazioni innovative di terapia genica e cellulare per le malattie neurometaboliche, quali delle LSDs caratterizzate da un coinvolgimento severo e prevalente / esclusivo del sistema nervoso centrale.

wwwPer maggiori dettagli sull’Unità, visita la pagina di questo gruppo sul sito della Ricerca in inglese.