Biologia delle beta-cellule

Unità DRI
Lorenzo Piemonti, Capo Unità

piemonti.lorenzo@hsr.it


In generale, la cura per il diabete tipo 1 e diversi casi di diabete tipo 2 si basa sulla possibilità di trovare un sostituto della massa beta cellulare in grado di compiere due funzioni essenziali: valutare i livelli ematici di glucosio e secernere appropriati livelli d’insulina nel letto vascolare. Attualmente, l’unica terapia clinicamente disponibile in grado di restaurare la massa beta cellulare nei pazienti diabetici è il trapianto di isole o di pancreas in toto. Nonostante i progressi fatti negli ultimi anni, questi approcci rimangono problematici. L’unità di biologia della beta-cellula ha l’obiettivo di creare le condizioni adatte per favorire l’espansione e la sopravvivenza delle beta-cellule in condizioni native o dopo trapianto. Negli anni precedenti siamo stati in grado di valutare l’impatto della modificazione beta cellulare sullo stato immunitario del paziente, l’efficacia delle immunoterapie e la loro capacità di controllare le risposte allogenica e autoimmunitaria. I risultati di questi studi dimostrano che (i) la sopravvivenza delle isole trapiantate nel fegato, sia singeniche che allo geniche, è sub-ottimale, (ii) la reazione infiammatoria gioca un ruolo importante nella sopravvivenza e nella funzione delle insule dopo il trapianto, (iii) gli attuali regimi immunosoppressivi non sono in grado di controllare efficacemente le risposte allogeniche e autoimmunitarie. Per ottenere la sostituzione a lungo termine delle beta-cellule in pazienti con diabete proponiamo quindi di: (I) studiare siti alternativi come possibile luogo per il trapianto di insule, (II) sviluppare nuove strategie per la sopravvivenza delle insule modulando l’infiammazione inibendo, specificamente, i pathways che coinvolgono CCL2 o IL-8, (III) migliorare la riuscita del trapianto di insule cotrapiantandole con cellule nutrici, utilizzando a tal fine cellule staminali mesenchimali, (IV) determinare i meccanismi di immunizzazione e distruzione legati agli autoantigeni insulari, (V) identificare una sorgente rinnovabile di cellule utilizzabile per implementare la massa beta cellulare trapiantabile, in particolare partendo dalle cellule staminali pluripotenti.

wwwPer maggiori dettagli sull’Unità, visita la pagina di questo gruppo sul sito della Ricerca in inglese.