Sindrome di Immunodeficienza Acquisita (AIDS)

COS’È?

È l’aggravamento naturale dell’infezione da HIV in assenza di terapia o quando la terapia è inefficace.
L’AIDS si rivela solitamente fatale entro 2-3 anni dalla sua insorgenza.
Negli ultimi anni, tuttavia, nei paesi maggiormente sviluppati, i casi e le morti per AIDS sono drasticamente calati: i nuovi farmaci, come gli inibitori della proteasi o inibitori non-nucleosidici della trascrittasi inversa, hanno rivoluzionato, infatti, la cura e prolungato considerevolmente la sopravvivenza delle persone affette da infezione da HIV.
L’AIDS resta problematica, invece, nei paesi in via di sviluppo in cui c’è una scarsa disponibilità di farmaci.


CHI SI AMMALA?

I pazienti che non vogliono o non possono assumere farmaci antiretrovirali e quelli che hanno un virus diventato così resistente che i farmaci hanno perso quasi completamente di efficacia.


COME SI RICONOSCE?

Dalla presenza di alcune specifiche tipologie di tumori e infezioni opportunistiche che compaiono di solito quando i linfociti CD4 scendono sotto il valore 200.
Le infezioni opportunistiche sono causate da germi con cui conviviamo abitualmente, che si manifestano solo se ne hanno l’“opportunità”: non recano alcun fastidio se non siamo immunodepressi, mentre possono causare malattie anche mortali se abbiamo le difese immunitarie molto ridotte.

Infezioni opportunistiche e alcuni sintomi:

  • candisosi esofagea (chiazze bianche in bocca, dolore alla deglutizione);
  • polmonite da Pneumocystis jiroveci (febbre, tosse secca e mancanza di fiato);
  • toxoplasmosi cerebrale (febbre, mal di testa e confusione mentale);
  • infezione da Cytomegalovirus  (febbre e calo della vista);
  • leucoencefalopatia multifocale progressiva (paralisi e confusione mentale);
  • meningite criptococcica (febbre, mal di testa e confusione mentale);
  • criptosporidiosi (diarrea grave);
  • micobatteriosi atipica (febbre, diarrea e dolori addominali);
  • tubercolosi (febbre, tosse, dolori toracici e mal di testa);

Tumori e alcuni sintomi:

  • linfoma primitivo del cervello (mal di testa e confusione);
  • linfoma non-Hodgkin (febbre, grave ingrossamento delle ghiandole linfatiche);
  • sarcoma di Kaposi (chiazze violacee cutanee);
  • carcinoma della cervice uterina (perdita di sangue dalla vagina e dolori al basso ventre).

COME SI CURA?

La cura dell’AIDS consiste nella cura dell’infezione da HIV (terapia antiretrovirale) e nella profilassi e cura delle infezioni opportunistiche.
La profilassi delle infezioni opportunistiche si inizia quando i linfociti CD4 scendono sotto il valore di 200.
Se un paziente ha una o più infezioni opportunistiche, si interviene con cure specifiche, che variano a seconda dell’infezione.