Minicucci Fabio

Epilessia e disordini parossistici

Unità INSPE
Fabio Minicucci, Group Leader Clinico

minicucci.fabio@hsr.it


L'Unità è principalmente coinvolta nella valutazione delle manifestazioni epilettiche, in particolare nello studio delle caratteristiche elettroencefalografiche e terapeutiche dello stato epilettico (SE). La raccolta dei dati è attualmente in fase di completamento su tre aspetti clinici rilevanti. Il primo studio è correlato al rischio di recidiva di crisi, dopo sospensione della terapia, in pazienti con un buon controllo delle crisi per almeno 3 anni. Il secondo è correlato a un confronto tra alterazioni rilevabili in risonanza magnetica e pattern EEG in pazienti con SE. Questo studio ha un numero considerevole di casi e le conclusioni sono parzialmente conformi ai pochi dati disponibili in letteratura. Il terzo studio affronterà la possibilità di sostituire il valproato nelle donne in età fertile. Ci sono evidenze scientifiche sui rischi legati all’assunzione di valproato in gravidanza. Questa evidenza ha costretto le autorità di regolamentazione italiane ed europee a una posizione rigorosa in merito all'uso di farmaci nelle donne in età fertile. La strategia di ricerca prevede modifiche obbligatorie del trattamento per tutte le donne seguite presso il nostro Centro e il successivo follow-up per un confronto con precedenti approcci terapeutici. Recentemente, è stato sottomesso uno studio sui benefici globali derivanti dall'introduzione di un nuovo farmaco antiepilettico transmucosa (midazolam), per il trattamento in caso di crisi prolungate e di SE. Quest'ultima attività di ricerca è la più recente e segue precedenti studi in collaborazione con il gruppo di studio sull'epilessia della Società Italiana di Neurologia. Inoltre, negli ultimi anni, sono stati pubblicati alcuni libri di elettroencefalografia ed epilessia con capitoli di F. Minicucci. In particolare, il testo sulle urgenze ed emergenze neurologiche è in corso di revisione e ristampa, con il patrocinio della Società Italiana di Neurologia.

wwwPer maggiori dettagli sull’Unità, visita la pagina di questo gruppo sul sito della Ricerca in inglese.