Luigi Ferini-Strambi

Medicina del sonno

Luigi Ferini-Strambi, Group Leader Clinico

ferinistrambi.luigi@hsr.it



Recenti ricerche hanno evidenziato una relazione bidirezionale tra sonno e disturbi neurologici. Innanzitutto, i disturbi del ritmo sonno-veglia (DSV) sono molto comuni e possono essere la prima manifestazione di disturbi neurologici sottostanti. Inoltre, i DSV possono rappresentare un fattore di rischio indipendente per patologie neurologiche. In terzo luogo, il sonno può influenzare decorso e outcome di diversi disturbi neurologici.
Uno degli obiettivi della nostra ricerca è la valutazione della sindrome delle gambe senza riposo (RLS) e dei movimenti periodici degli arti nel sonno (PLMs). Oltre a studi epidemiologici sulla RLS nella sclerosi multipla o nel cancro, abbiamo condotto studi clinico-polisonnografici per definire le caratteristiche fenotipiche della RLS. Nei pazienti con RLS, i PLMs mostrano una particolare distribuzione durante la notte. Abbiamo valutato l’effetto di farmaci dopaminoagonisti sui PLMs: questi farmaci riducono significativamente l’indice PLMs, senza modificare l’alterata microstruttura del sonno. Il clonazepam riduce invece la frammentazione del sonno, ma non l'indice PLMs.
Il Disturbo Comportamentale in Sonno REM (RBD) è una parasonnia del sonno REM che può essere manifestazione precoce di patologie neurodegenerative. Abbiamo condotto studi clinici, neurofisiologici e neuropsicologici volti a identificare marker predittivi di evoluzione neurodegenerativa (α-sinucleinopatie) nei pazienti con RBD.
La sindrome della Apnee Ostruttive nel sonno (OSA) è il più comune disturbo respiratorio sonno-relato. L'OSA può determinare deficit cognitivi e rappresenta un fattore di rischio per m. di Alzheimer. Abbiamo studiato i deficit cognitivi e le modificazioni strutturali cerebrali nell'OSA prima e dopo il trattamento con presidio ventilatorio (CPAP). Dopo il trattamento è stata osservata un miglioramento dei deficit neurocognitivi, parallelamente alla normalizzazione delle alterazioni sia a livello della sostanza grigia che della bianca.

wwwPer maggiori dettagli sull’Unità, visita la pagina di questo gruppo sul sito della Ricerca in inglese.