Scoperta proteina coinvolta nella risposta immunitaria al tumore della prostata

Milano, 29 giugno 2015 – Uno studio condotto dai ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, una delle 18 strutture di eccellenza del Gruppo Ospedaliero San Donato, coordinati dal dottor Matteo Bellone, capo Unità Immunologia cellulare, potrebbe aprire la strada a nuovi approcci diagnostici e terapeutici del tumore alla prostata nelle sue fasi iniziali.

La ricerca, a cui è dedicata la copertina di maggio della prestigiosa rivista scientifica Cancer Research, è stata condotta su campioni umani e modelli murini, e ha dimostrato il ruolo della proteina Tenascina-C, maggiormente espressa dal tumore nelle fasi precoci di malattia. Tenascina-C viene prodotta dalle cellule staminali del carcinoma prostatico – le cellule tumorali che contribuiscono alla crescita, alla diffusione e rigenerazione del tumore – e viene utilizzata da queste ultime come un’arma per sfuggire alla risposta del sistema immunitario.

Secondo gli scienziati, le cellule staminali tumorali permettono al tumore di rigenerarsi e dare origine a metastasi, migrando precocemente ai linfonodi connessi alla prostata. L’identificazione tempestiva di queste cellule nella prostata e nei linfonodi pelvici, così come la loro eliminazione attraverso terapie specifiche, potrebbe perciò prevenire la progressione della malattia.

Analizzando sezioni anatomiche di prostata umana e murina, gli studiosi hanno notato che la Tenascina-C è espressa maggiormente nelle prime fasi del tumore alla prostata e nelle metastasi, dove inibisce la funzione di difesa dei linfociti T, rendendoli incapaci di distruggere le cellule staminali tumorali che sopravvivono nei tessuti contaminati. Terapie mirate a contrastare l’attività immunosoppressiva della Tenascina-C potrebbero perciò favorire l’eliminazione delle cellule tumorali che la esprimono, riducendo le possibilità che il tumore si espanda e si ripresenti.

Questo studio identifica la Tenascina-C come molecola bersaglio di potenziali approcci terapeutici mirati a facilitare il riconoscimento e l’eliminazione delle cellule staminali tumorali da parte del sistema immunitario” spiega il dottor Bellone. “Sebbene questa ipotesi debba ancora essere verificata appieno sull’uomo, questa ricerca potrebbe modificare l’approccio ai pazienti con tumore in fase iniziale, che al momento vengono soltanto tenuti sotto osservazione nel tempo” continua l’esperto.

Questo lavoro è stato possibile grazie ai finanziamenti di AIRC (Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro) e del Ministero della Salute Italiano.

*************************************************************************************************************
Tenascin-C Protects Cancer Stem–like Cells from Immune Surveillance by Arresting T-cell Activation – Cancer Research

Elena Jachetti1, Sara Caputo1,2, Stefania Mazzoleni3, Chiara Svetlana Brambillasca1, Sara Martina Parigi1, Matteo Grioni1, Ignazio Stefano Piras4, Umberto Restuccia5, Arianna Calcinotto1,5, Massimo Freschi6, Angela Bachi5, Rossella Galli3, and Matteo Bellone1

  1. Division of Immunology, Transplantation and Infectious Diseases, Cellular Immunology Unit, IRCCS San Raffaele Scientific Institute, Milan, Italy;
  2. Università Vita-Salute San Raffaele, Milan, Italy;
  3. Division of Regenerative Medicine, Neural Stem Cell Unit, IRCCS San Raffaele Scientific Institute, Milan, Italy;
  4. Crs4, Biomedicine Sector, Scientific Park of Sardinia, Pula, Cagliari, Italy;
  5. Mass Spectrometry Unit, IRCCS San Raffaele Scientific Institute, Milan, Italy;
  6. Unità Operativa Anatomia Patologica, IRCCS San Raffaele Scientific Institute, Milan, Italy.

Per informazioni:
Ufficio Stampa
IRCCS Ospedale San Raffaele
Tel. + 39 02 2643 6255/4466
Email: ufficio.stampa@hsr.it