Unità Operativa di Ostetricia

L’U.O. di Ostetricia è situata al 6° piano del settore C. E’ dotata di 26 letti, distribuiti in 10 stanze (4 a due letti e 6 a tre letti) con servizio igienico e doccia. All’interno dell’U.O. vengono ricoverate:

  • donne gravide con patologie della gravidanza
  • puerpere da parto spontaneo
  • puerpere da Taglio Cesareo

L’accesso al Reparto può avvenire attraverso il Pronto Soccorso in caso di ricoveri urgenti, o attraverso l’Accettazione Centrale, in caso di ricoveri programmati.

L’organizzazione del reparto prevede l’assistenza di ostetriche, medici e personale di supporto 24 ore su 24. L’operatore sanitario di riferimento per la puerpera è l’ostetrica , che assiste in autonomia le puerpere da parto spontaneo. Il decorso post-operatorio della puerpera da taglio cesareo è assistito in collaborazione con il medico di reparto, che gestisce con l’ostetrica eventuali complicanze del puerperio.

Nel corso della mattina vengono discussi in équipe i casi clinici ed effettuate le visite di dimissione a cura di una equipe medica dedicata (dr. Valsecchi, dr.ssa Castiglioni, dr.ssa Rosa, dr. Mauro, dr. Cavoretto). Le dimissioni vengono pianificate in accordo con la dimissione del neonato intorno alle 12.30.

La gestione della gravida ricoverata per patologia si avvale della stretta collaborazione fra il Reparto e il Servizio di Ecografia Ostetrico-Ginecologica, l’Ambulatorio di Patologia della Gravidanza e l’Ambulatorio di Monitoraggio della gravidanza.

Uno dei principali obiettivi è l’assistenza alla coppia madre-bambino e la promozione dell’allattamento al seno, attraverso l’applicazione dei “10 Passi OMS-UNICEF”. Il Rooming-in 24 ore su 24, cioè la permanenza nella stessa stanza della mamma e del suo bambino è il presupposto necessario per favorire una buona relazione tra mamma e neonato e per iniziare e mantenere l’allattamento esclusivo al seno. Le ostetriche, in collaborazione con le puericultrici offrono il supporto necessario a questo scopo. Analogamente, viene garantito il sostegno alle puerpere che, per problemi di salute o per scelta personale, inibiscono l’allattamento al seno.

L’U.O. di Ostetricia, unitamente alla Sala Parto, alla Neonatologia, agli Ambulatori e al Corso di Accompagnamento alla nascita dall’8 marzo 2013 ha intrapreso il Percorso UNICEF-BFHI.

In ottemperanza al Protocollo Interaziendale stilato con la ASL di Milano esiste una stretta collaborazione con i Consultori dei Distretti 3 e 6 per la presa in carico, dopo la dimissione ospedaliera, delle puerpere residenti in uno di questi distretti e che alla dimissione presentino difficoltà nell’allattamento. A tutte le puerpere vengono fornite indicazioni sui servizi territoriali della ASL di Milano.

In caso di particolari problematiche l’U.O. di Ostetricia ricorre alla collaborazione e alla consulenza della psicologa D.ssa Gambarini e/o del Servizio Sociale interno all’Ospedale.