Correzione transcatetere dell’insufficienza mitralica mediante tecnica “edge-to-edge” con il dispositivo MITRACLIP TM (Evalve)

L’insufficienza mitralica è una condizione in cui la valvola mitralica diviene incontinente e determina rigurgito di sangue dal ventricolo sinistro all’atrio sinistro. L’insufficienza mitralica è la causa più frequente di malattia valvolare negli individui anziani. Studi epidemiologici hanno dimostrato che insufficienza mitralica di grado moderato o severo è presente in più del 10% della popolazione generale con almeno 75 anni, e questa condizione si associa a scompenso cardiaco, aritmie, e necessità di ospedalizzazione. I pazienti affetti da insufficienza mitralica, di qualsiasi origine, sono affetti da una ridotta sopravvivenza a distanza se non si interviene in tempo. Per ridurre le probabilità di sviluppare scompenso cardiaco e migliorare la sopravvivenza, l’unica terapia efficace è la correzione meccanica dell’insufficienza mitralica mediante intervento chirurgico.
In questo scenario, l’industria biomedica sta sperimentando metodiche alternative alla chirurgia per offrire un trattamento meno invasivo che possa essere più accettato dai pazienti giovani e più tollerabile e meno rischioso per i pazienti anziani e con comorbidità. Nel nostro reparto viene utilizzato il sistema Evalve: una metodica che riproduce la tecnica del prof. Alfieri, attraverso un approccio totalmente percutaneo, mininvasivo, che non necessita la circolazione extracorporea e l’apertura delle camere cardiache. Sotto guida ecocardiografica, una clip viene posizionata a livello dei lembi mitralici, all’origine del rigurgito. La clip riproduce il gesto chirurgico della sutura, e viene usata per unire i lembi e chiudere la regione della valvola da cui origina il rigurgito.  La procedura è eseguita in anestesia generale per consentire l’uso dell’ecocardiogramma transesofageo.
Si ottiene un accesso venoso alla vena femorale, nella quale viene inserito il sistema di rilascio e controllo della Mitraclip. Il sistema viene avanzato attraverso il setto interatriale nell’atrio sinistro.
Sotto guida ecocardiografica, la clip viene posizionata nella regione del rigurgito. Mediante una procedura standardizzata, i lembi vengono incorporati nella clip e sotto guida eco si procede alla chiusura della clip e al monitoraggio in tempo reale del risultato della procedura.
Se si ottiene l’effetto desiderato, la clip viene rilasciata, e il sistema di rilascio viene rimosso.