Tomografo PET e tomografo PET-TAC

Il tomografo PET è lo strumento utilizzato per misurare la radioattività emessa dal tracciante ed acquisire le immagini di distribuzione del tracciante nell’organismo; le immagini ottenute forniscono informazioni sul metabolismo biochimico delle aree esaminate e non informazioni sulla loro struttura anatomica. Questa particolarità rende la PET attualmente capace di rilevare il metabolismo dei tessuti e organi, visualizzando anomalie del funzionamento cellulare spesso ancora prima che queste si traducano in modificazioni anatomiche rilevabili con le altre tecniche di diagnostica per immagini.

 Tomografo PET

Con la PET, ad esempio, è possibile valutare precocemente la risposta ad uno specifico trattamento chemioterapico, basandosi sulla misura della variazione del metabolismo tumorale che incorre tra lo studio prima del trattamento ed lo studio eseguito durante o al termine del trattamento chemioterapico; questa peculiarità della PET consente di valutare più precocemente la sensibilità del tumore ad un determinato trattamento chemioterapico rispetto a quanto è possibile con l’imaging anatomico, dove la valutazione della risposta al trattamento si basa su una modifica delle dimensioni della neoplasia che tipicamente può richiedere tempi lunghi.
Oggi, grazie alla evoluzione in tomografo PET/TC, è possibile acquisire nella stessa seduta d’esame, anche le immagini anatomiche TC che vengono utilizzate per la correzione dell’attenuazione delle immagini PET e come mappa anatomica per agevolare la lettura e refertazione dello studio PET. Tuttavia, la possibilità offerta dal tomografo PET/TC di eseguire studi TC con somministrazione del mezzo di contrasto, consente di eseguire, presso l’U.O. di Medicina Nucleare e PET, anche uno studio TC diagnostico nella stessa seduta d’esame con  la presenza di un Medico Radiologo.

Tomografo PET-TAC

Al termine della procedura, il medico nucleare ed il medico radiologo provvederanno alla refertazione dell’esame di loro competenza con la stesura di un terzo referto relativo alla valutazione combinata dei due studi PET e TC per un miglior inquadramento clinico-strumentale del paziente.

 

Indietro