Studio PET con Colina [11C]Colina

È ormai noto che alcuni tumori presentano un basso metabolismo glucidico e di conseguenza l’impiego del [18F]FDG non risulta essere ottimale nella stadiazione e ristadiazione della malattia. Per questo motivo sono stati proposti traccianti alternativi per lo studio di queste forme neoplastiche particolari e la colina marcata con carbonio 11 ([11C]Colina) è stata validata per lo studio di paziente con storia di neoplasia prostatica.

Questo tracciante si accumula nelle membrane delle cellule prostatiche sia normali sia patologiche e quindi non viene utilizzato per la diagnosi di malattia prostatica ma risulta particolarmente indicato in caso di:

  • paziente prostatectomizzato radicalmente con rialzo del PSA superiore a 1 ng/ml
  • paziente trattato con radioterapia/brachiterapia con intento radicale con rialzo del PSA superiore a 1 ng/ml
  • paziente in trattamento ormonale con rialzo del PSA superiore a 1 ng/ml
  • nella stadiazione pre-chirurgica di malattia nei pazienti con diagnosi confermata di neoplasia prostatica.

Preparazione ed effetti collaterali: Prima di sottoporsi all’esame PET con [11C]Colina è necessario l’osservazione di un digiuno da almeno 6 ore.  La durata dell’esame è di circa 40 minuti  Non sono noti effetti collaterali.