Studio PET con Fluoro-Desossiglucosio [18F]FDG

Studio PET con Fluoro-Desossiglucosio [18F]FDG. Numerosi studi hanno dimostrato che il tessuto neoplastico in rapida crescita utilizza il glucosio come substrato a fini energetici.  Il tessuto tumorale dimostra rispetto al tessuto normale un aumentato metabolismo energetico e, per produrre l’energia necessaria per la sua vitalità, utilizza il glucosio. Il Fluoro-Desossiglucosio [18F]FDG, analogo del glucosio, è assunto dalle cellule tumorali in quantità superiore rispetto alle cellule di tessuto sano: ciò consente d’evidenziare le lesioni neoplastiche che posseggono un elevato metabolismo glucidico.

 

Preparazione ed effetti collaterali: Prima di sottoporsi all’esame PET con [18F]FDG è necessario l’osservazione di un digiuno da almeno 6 ore.  La durata dell’esame è due ore circa (60-90 minuti di attesa dopo la somministrazione del radiofarmaco e da 20 a 30 minuti di acquisizione immagini). Dopo la somministrazione del [18F]FDG infatti occorre attendere per consentire al tracciante di accumularsi nelle cellule in funzione del loro metabolismo. In questo tempo di attesa è richiesta una adeguata idratazione con  minimo 2-3 bicchieri d’acqua, forniti in sala d’attesa, per favorire l’eliminazione del tracciante che non viene metabolizzato dall’organismo. Non sono noti effetti collaterali. L’esame tuttavia è controindicato in caso di:

  • intolleranza ai carboidrati o diabete mellito (controindicazione non assoluta); l’esame è sconsigliato se i valori glicemici a digiuno sono superiori a 200 mg/dl. È necessario avvisare al momento della prenotazione se il paziente è intollerante ai carboidrati o è diabetico ed in questo caso il tipo di trattamento in corso
  • trattamenti radioterapici terminati da meno di 3 mesi.

 

 

 

Indietro