Scintigrafia total body: ricerca di metastasi di tumori tiroidei

La scintigrafia si esegue per ricercare metastasi loco-regionali e a distanza in pazienti sottoposti a tiroidectomia totale per un carcinoma differenziato e con elevati livelli di TSH nel sangue.
L’esame si effettua in presenza di elevati livelli di TSH e di cireoglobulina e per valutare il residuo tiroideo.

Le metastasi del carcinoma tiroideo follicolare e papillare possono captare lo iodio radioattivo: somministrando per via orale il tracciante Iodio 131 ed effettuando una scintigrafia è quindi possibile determinare sede, numero e grado di captazione delle metastasi prima d’eseguire la terapia radiometabolica.

PREPARAZIONE ED EFFETTI COLLATERALI

Il paziente deve essere a digiuno da 8 ore.
Per ottenere elevati livelli di TSH è necessario sospendere la terapia sostitutiva instaurata dopo l’ablazione totale tiroidea, seguendo la seguente prassi:

  • 45 giorni prima dell’esame assumere T3;
  • dopo 15 giorni sospendere anche la T3.

È consigliabile per una buona valutazione dell’esame assumere un lassativo intestinale.
L’esame richiede circa 1 ora e viene eseguito a 48-72 ore dalla somministrazione del tracciante.

In presenza di un cospicuo residuo tiroideo, le metastasi possono non essere rilevabili in quanto lo iodio viene captato in modo preferenziale dal tessuto funzionante.
I composti iodati contenuti in farmaci e alimenti limitano la rilevazione dei foci metastatici.