Esami strumentali tumore del polmone

Broncoscopia

Agoaspirato (agobiopsia) transbronchiale
È una procedura eseguita in corso di broncoscopia che consiste nel prelievo di tessuto linfonodale (linfonodi mediastinici o polmonari) per determinare la presenza o meno di metastasi da tumore del polmone o di altre malattie linfonodali, ad esempio la sarcoidosi. Viene solitamente eseguita in sedazione profonda. Le complicanze sono molto rare e il paziente un’ora dopo l’esame può riprendere la normali attività. Il vantaggio più evidente è costituito dalla possibilità in questo modo di evitare indagini diagnostiche più invasive quali la mediastinoscopia o la videotoracoscopia.

Mediastinoscopia
È un piccolo intervento chirurgico eseguito in anestesia generale. Attraverso una piccola incisione sulla parte bassa del collo, utilizzando uno strumento specifico denominato mediastinoscopio, si eseguono dei prelievi a livello dei linfonodi mediastinici. Le complicanze sono rarissime. L’intervento è necessario per escludere la presenza o meno di metastasi linfonodali a partire da un tumore polmonare o per diagnosticare altri tipi di malattie linfonodali, ad esemipio la sarcoidosi. In molti pazienti tuttavia la mediastinoscopia può essere evitata sottoponendo il paziente a un agoaspirato transbronchiale in broncoscopia.

Videotoracoscopia
È un intervento di chirurgia mininvasiva che, attraverso l’esecuzione di due o tre piccole incisioni, consente l’esplorazione completa del polmone e della pleura. Richiede tempi di degenza estremamente brevi. Viene impiegata nei casi in cui altri esami non invasivi non abbiano chiarito completamente la situazione clinica e sia necessario esplorare direttamente la pleura, fare una biopsia ai linfonodi endotoracici e/o asportare a scopo diagnostico noduli polmonari.